Contenuto Principale

BONUS TAXI, RIMBORSO DEL 50% SUL COSTO DELLA CORSA

L’Amministrazione Comunale ha finanziato con 205.709,00 euro un incentivo per chi utilizza i taxi pe...

MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

Dal 24 settembre 2020 i residenti monzesi possono richiedere presso 11 tabaccherie cittadine dei c...

Strade e ponti: 17 milioni per gli investimenti della Provincia MB per il 2022

La Provincia MB presenta il piano investimenti per la viabilità che prevede oltre 6,3 milioni di eur...

CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE PER I SERVIZI EDUCATIVI

CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE PER I SERVIZI EDUCATIVI Grazie al Progetto Family Hub 3.0 sono a disposi...

RIANZA ReSTART - Nasce il “laboratorio” territoriale per il Patto per il Lavoro della Brianza.

BRIANZA ReSTART - Nasce il “laboratorio” territoriale per il Patto per il Lavoro della Brianza. La ...

  • BONUS TAXI, RIMBORSO DEL 50% SUL COSTO DELLA CORSA

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Strade e ponti: 17 milioni per gli investimenti della Provincia MB per il 2022

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE PER I SERVIZI EDUCATIVI

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12
  • RIANZA ReSTART - Nasce il “laboratorio” territoriale per il Patto per il Lavoro della Brianza.

    Martedì 14 Aprile 2020 13:11

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Teatro alla Scala: La Gioconda PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Mercoledì 30 Novembre 2022 16:45

(Vittoria Licari) Pur non godendo della fama del suo ben più noto omologo parigino, il Cimitero Monumentale di Milano – vero e proprio museo a cielo aperto - può essere considerato il Père-Lachaise meneghino, in virtù dei personaggi illustri legati alla storia del capoluogo lombardo che vi sono sepolti o, quantomeno, ricordati. Fra coloro che vi riposano c’è anche Amilcare Ponchielli, che a Milano morì il 16 gennaio 1886 e al quale furono tributati solenni e partecipati funerali.

Colpisce la lapide posta in sua memoria: «Vissuto povero gran parte della vita – morto di anni cinquantuno quando finalmente arridevagli la gloria». Non si può parlare, in realtà, di una vita particolarmente tribolata sul piano economico, bensì di una esistenza vissuta in gran parte al di sotto delle potenzialità di cui il musicista era detentore e delle sue – peraltro giuste - aspirazioni artistiche e sociali.

Nato a Paderno - nel circondario di Cremona - il 31 agosto 1834, fu un bambino prodigio: a soli nove anni superò l’esame di ammissione ai corsi di composizione del Conservatorio di Milano, dove veniva chiamato “genietto” e da cui uscì, diplomato, per fare ritorno nei luoghi di origine come organista e direttore delle bande civiche di Cremona e di Piacenza. Nel 1856 riuscì a far rappresentare al Teatro Concordia di Cremona – dove era maestro sostituto – un lavoro decisamente ambizioso, e cioè la versione operistica dei manzoniani Promessi sposi, la cui fama rimase limitata all’ambito locale, ma che non mancò di incuriosire l’editore milanese Francesco Lucca, il quale pubblicò un certo numero di sue composizioni che potremmo definire “da salotto”: meglio di niente, ma certamente meno di quanto il giovane autore sperasse. Trascorse ancora un quindicennio di lavoro sostanzialmente nell’ombra, nel corso del quale Ponchielli subì anche un grave torto, quando, nel 1868, pur avendo vinto il concorso per l’insegnamento di armonia e contrappunto presso il Conservatorio di Milano, venne messo da parte in favore del più giovane – e, forse, più “appoggiato” - Franco Faccio.

Finalmente, il 5 dicembre 1872, la prima vera soddisfazione: una nuova versione dei Promessi sposi, con il libretto revisionato da Emilio Praga – fra i principali esponenti della “scapigliatura” – andò in scena al Teatro dal Verme di Milano, da poco inaugurato, e destinato a diventare palcoscenico di importanti debutti come quelli di Puccini e di Leoncavallo. Da lì in poi la vita del trentottenne autore cambiò. Il successo riscosso indusse Giulio Ricordi ad accogliere Ponchielli nella propria casa editrice, ponendolo al centro della vita musicale di Milano, dove il compositore si trasferì di nuovo, questa volta non più da studente o aspirante docente, bensì da affermato compositore. La sua fama venne consolidata nel 1874 dal successo dei Lituani, un grand-opéra in stile italiano commissionatogli da Ricordi, il cui libretto portava la prestigiosa firma di Antonio Ghislanzoni.

Due anni dopo fu la volta del trionfo della Gioconda, su testo di Tobia Gorrio (pseudonimo di Arrigo Boito) che consacrò l’autore come “erede” di Giuseppe Verdi, il quale, in quel periodo, sembrava intenzionato a ritirarsi dalle scene. La creazione della sua opera più celebre – l’unica che sia poi entrata stabilmente in repertorio – non fu, però, una passeggiata: Boito non si mostrò affatto collaborativo con Ponchielli, del quale non tenne in alcun conto le osservazioni su quelli che il compositore reputava punti deboli – se non veri e propri difetti – del libretto. Ma, a fronte delle troppo forti differenze di tipo artistico, estetico e caratteriale fra i due, la debordante personalità di Boito ebbe la meglio e portò alla “prima” scaligera del 1876, a seguito della quale Ponchielli rimise più volte mano alla partitura prima di potersi ritenere soddisfatto del risultato.

Oltre che dalla ormai indiscussa autorevolezza come autore, i suoi ultimi anni furono coronati dalla riparazione del torto ricevuto un tempo da parte del mondo accademico con la nomina, nel 1881, a docente di “alta composizione” presso il Conservatorio di Milano, dove ebbe come allievi Puccini e Mascagni.

L’edizione proposta alla Scala nel giugno scorso poteva contare su di un cast di ottimo livello, molto equilibrato, e in cui ciascun cantante presentava una perfetta aderenza vocale e interpretativa al personaggio affidatogli. Ne facevano parte, nei ruoli principali, Saioa Hernández (Gioconda), Daniela Barcellona (Laura), Erwin Schrott (Alvise), Anna Maria Chiuri (la Cieca), Stefano La Colla (Enzo) e Roberto Frontali (Barnaba), diretti dalla raffinata bacchetta di Frédéric Chaslin.

L’ambientazione della vicenda a Venezia – che costituisce la modifica più importante operata da Boito rispetto all’originale letterario di Victor Hugo, ovvero il dramma Angelo, tyran de Padoue – è stata esaltata dalla regia di Davide Livermore, che considera la città come vera protagonista dell’opera. La scenografia rotante di Giò Forma presenta, di volta in volta, scorci ed elementi architettonici che la identificano inequivocabilmente, mentre le proiezioni realizzate da D-WOK ne evocano lo sfondo paesaggistico generale, che emerge dalla nebbia e in essa si perde. Inutilmente didascalica, invece, la discesa di un angelo a ogni entrata in scena della Cieca e a ogni sua evocazione attraverso il motivo musicale che la contraddistingue, anche se il regista giustifica questa scelta con la lettura dell’azione scenica attraverso la sensibilità e le percezioni di questa figura - indubbiamente enigmatica - in quanto «[…] portatrice dell’istanza mistica, spirituale e spiritistica di questa drammaturgia che unisce sacro e profano in maniera indissolubile». In realtà, lo sdoppiamento dei personaggi è un déjà vu dell’estetica di questo regista – si pensi al finale della Tosca del 2019 – che nel caso di Gioconda altera profondamente il senso del finale dell’opera. Livermore, infatti, sdoppia sia Gioconda nel momento del suicidio, sia la madre, ed è il fantasma di quest’ultima a provocare il grido di Barnaba, che perciò non è più di rabbia – come indicato da Boito – bensì di spavento, una sensazione che da un simile personaggio non ci si potrebbe certo aspettare, anche se bisogna ammettere che si assiste così a un colpo di teatro di un certo effetto. Bellissima la coreografia della celeberrima Danza delle ore, firmata da Frédéric Olivieri, in cui i solisti del corpo di ballo e gli allievi della scuola scaligera sono stati, giustamente, applauditissimi. Orchestra e cori ai massimi livelli. Uno spettacolo da ricordare.

 

 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

La gente come noi non molla mai … ed il Monza vola in A

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

calciom(Laura Giulia D'Orso). “Io sono del Monza: non riusciremo mai ad andare in Serie A”. Questa mitica frase pronunciata da Renato Pozzetto nel film del 1979 “Agenzia Riccardo Finzi… praticamente detective” fotografava da oltre trent’anni lo stato d’animo di ironica rassegnazione nonostante il quale migliaia di brianzoli trovavano la forza di tifare per il Monza.

Prima al Sada, poi al Brianteo, vari ricordi di bravi giocatori cresciuti nel Monza e poi comprati che hanno fatto la nostra storia. Ieri, 29 maggio 2022 la storia è stata scritta da un manipolo di ragazzi tenaci, grintosi, capaci di non piangersi addosso, da un allenatore pacato quanto attento e severo e da uno staff tecnico e dirigenziale da fare invidia.

E finalmente l’incantesimo si è spezzato e sulle note di Destinazione Paradiso il Monza Calcio entra nell’Olimpo delle grandi! Orgoglio longobardo, compostezza brianzola, tifo mai oltre le righe. Mentre il Maxischermo trasmetteva un’interminabile partita con risultati da montagne russe i ragazzi hanno cantato e cantato per tutta la notte.

Gli account di twitter dell’AC Milan e del FC Inter ci hanno cinguettato un augurante e sportivo “benvenuti per la storica promozione nel club più esclusivo del calcio italiano, la serie A”.

Piacevole sensazione.

E mentre in piazza si festeggia incontrando Aldo Baglio o Filippo Tortu ti sembra tutto un po’ strano e in sottofondo, nella tua testa senti Gino Paoli cantare …. eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo ti vengono in mente il dott. Sada, la Simmenthal, la famiglia Cappelletti, l’ostinazione di Alfredo Magni, i Giambelli con dei giovani Costacurta, Pierluigi Casiraghi, Monelli e Begnini, i Colombo, il gruppo Finivest … il passato si fonde con il presente, le figurine della Panini che tenevo nella tasca del grembiule bianco alle elementari per gli scambi durante la ricreazione si mischiamo con la tecnologia di Fifa 2022/23.

Sapete che c’è? Mi piace pensare a Zio Bes, il Maestro come lo chiamavamo con deferenza, noi giornalisti, chissà mai che qualche “aggiustatina” alla palla dal grande campo del cielo lo abbia pure fatto! e allora è vero ... destinazione ParAdiso

Un viaggio ha senso solo senza ritorno

Se non in volo

Senza fermate nè confini

Solo orizzonti neanche troppo lontani

Io mi prenderò il mio posto

E tu seduta lì al mio fianco

Mi dirai

Destinazione paradiso

C'è che c'è, c'è che prendo un treno

Che va a paradiso città

Io mi prenderò il mio posto

E tu seduta lì al mio fianco

Mi dirai

Destinazione paradiso

Paradiso città...