Contenuto Principale

BONUS TAXI, RIMBORSO DEL 50% SUL COSTO DELLA CORSA

L’Amministrazione Comunale ha finanziato con 205.709,00 euro un incentivo per chi utilizza i taxi pe...

MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

Dal 24 settembre 2020 i residenti monzesi possono richiedere presso 11 tabaccherie cittadine dei c...

Strade e ponti: 17 milioni per gli investimenti della Provincia MB per il 2022

La Provincia MB presenta il piano investimenti per la viabilità che prevede oltre 6,3 milioni di eur...

CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE PER I SERVIZI EDUCATIVI

CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE PER I SERVIZI EDUCATIVI Grazie al Progetto Family Hub 3.0 sono a disposi...

RIANZA ReSTART - Nasce il “laboratorio” territoriale per il Patto per il Lavoro della Brianza.

BRIANZA ReSTART - Nasce il “laboratorio” territoriale per il Patto per il Lavoro della Brianza. La ...

  • BONUS TAXI, RIMBORSO DEL 50% SUL COSTO DELLA CORSA

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Strade e ponti: 17 milioni per gli investimenti della Provincia MB per il 2022

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE PER I SERVIZI EDUCATIVI

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12
  • RIANZA ReSTART - Nasce il “laboratorio” territoriale per il Patto per il Lavoro della Brianza.

    Martedì 14 Aprile 2020 13:11

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

MonzaOggi
Elisa Cella a Villa Contemporanea PDF Stampa E-mail
Martedì 20 Settembre 2022 05:55

Villa Contemporanea è lieta di presentare Microbiota. Un ampliamento dell’esperienza sensoriale, seconda personale di Elisa Cella, artista di formazione matematica, da sempre affascinata dalla scienza e dalla
biologia cellulare.

L’artista, nota per la sua personalissima ricerca pittorica circolare, torna in galleria con un nuovo progetto installativo nato dallo studio di precise forme biologiche che dialogano con l’architettura della galleria. Protagoniste dello spazio sono, infatti, le sue sculture in metallo che riproducono gli organismi, il loro eterno rigenerarsi, la loro infinita bellezza, al di là della loro funzione specifica.

In ambito scientifico, quando si parla di microbiota si fa riferimento alla totalità dei singoli microrganismi - batteri, funghi, archeobatteri e protozoi - e dei virus che vivono e colonizzano uno specifico ambiente in un determinato tempo. In maniera analoga, le forme scultoree di Elisa si impossessano dello spazio espositivo e si riproducono generando una popolazione di forme tanto affascinanti quanto misteriose.

Leggi tutto...
 
Riprendono i corsi Free Moving con qualche novità PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Mercoledì 07 Settembre 2022 06:32
Riprendono i corsi di Free Moving per la stagione 2022/2023 con la novità che quest'anno il settore agonistico non sarà limitato all'atletica leggera, ma comprenderà anche il nuoto ed il judo! Inoltre, il judo si aggiunge come novità alla già ricca offerta sportiva grazie all’inserimento di un atleta esperto di questa disciplina.
L’inizio dei corsi è previsto da Lunedì 3 Ottobre 2022 secondo il calendario seguente.
 
Leggi tutto...
 
Teatro alla Scala: Un Ballo in Maschera PDF Stampa E-mail
Martedì 06 Settembre 2022 09:10
La nuova produzione scaligera di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, se ha sufficientemente convinto sul piano musicale, non ha raggiunto analogo risultato su quello registico.
 
(Vittoria Lìcari) Al suo debutto milanese, il regista svizzero Marco Arturo Marelli – autore anche di scene e costumi – ne ha dato una interpretazione che, partendo da una lettura drammaturgica molto – forse troppo – personale, ha raggiunto un esito altalenante fra il didascalico e il criptico, nuocendo spesso alla corretta comprensione dell’opera, specie da parte di chi, fra il pubblico, non la conoscesse bene.
 
Al versante didascalico, nonché a quella forma di horror vacui di cui molti registi soffrono, appartiene l’azione scenica di Riccardo durante il preludio, che disturba notevolmente l’ascolto. Vero è che la pagina in questione contiene pressoché tutti gli elementi musicali riassuntivi dell’opera, ma che bisogno c’è di visualizzarli a tutti i costi? Il regista teme forse che il pubblico non sappia ascoltare? Perché questa smania di far prevalere l’elemento visuale su quello uditivo, che in un melodramma dovrebbero invece presentare massima coerenza?
 
Altro inutile didascalismo è la figura della morte che compare a Riccardo già nel preludio e ne accompagna l’agonia nel finale. Anche qui la musica sarebbe più che sufficiente a trasmettere il senso del dramma, tutt’altro che inatteso, anzi, perfettamente preparato dall’autore.
Gli influssi francesi, peraltro riconosciuti da Verdi stesso, «[…] sono evidenti nelle scene di corte e nella musica impertinente del paggio Oscar; Verdi sembra aver fatto proprio per la prima volta il mondo di Offenbach e di Delibes senza cadere dal sublime nel ridicolo.» (Julian Budden, Le opere di Verdi, Volume secondo, p. 401). Nel nostro caso, Marelli ritiene, forse, che sia il caso di rendere evidenti gli influssi offenbachiani impegnando il coro, sul finale del primo quadro, in un can can francamente fuori luogo e di gusto alquanto scarso, in tal modo cadendo, appunto, nel ridicolo.
Leggi tutto...
 
Teatro alla Scala: Aradne auf Naxos PDF Stampa E-mail
Lunedì 29 Agosto 2022 05:34
(Vittoria Lìcari) Dopo soltanto tre anni dal suo ultimo allestimento, Ariadne auf Naxos di Richard Strauss è tornata alla Scala nella veste – nuova per le scene milanesi – che nel 2012 il regista Sven-Eric Bechtolf ideò per il Festival di Salisburgo in occasione del centenario della prima versione di quest’opera particolarissima.
 
La genesi di Ariadne è nota, ma vale la pena, comunque, di ricordarla, in quanto vede coinvolte alcune delle maggiori personalità della scena teatrale europea d’inizio Novecento: oltre a Strauss, il poeta e drammaturgo Hugo von Hofmannsthal e il regista Max Reinhardt. Quest’ultimo, grande amico di Hofmannsthal, aveva dato un decisivo contributo al debutto del Rosenkavalier, avvenuto a Dresda nel 1911, senza nemmeno voler essere citato in locandina.
 
Leggi tutto...
 
Teatro alla Scala: Don Giovanni PDF Stampa E-mail
Mercoledì 17 Agosto 2022 05:30

TEATRO ALLA SCALA. DON GIOVANNI

(Vittoria Licari) È stato riproposto alla Scala lo spettacolo che inaugurò la stagione 2011/2012, Don Giovanni, di Wolfgang Amadeus Mozart e Lorenzo da Ponte, regista Robert Carsen, scene di Michael Levine, costumi di Brigitte Reiffentuel, luci dello stesso Carsen e di Peter van Praet, coreografia di Philippe Giraudeau.

 

Nella visione di Carsen, con il plateale ingresso sulle prime note della Ouverture e lo strappo del sipario, Don Giovanni si presenta subito come regista della propria storia e porta il pubblico direttamente al suo interno, coinvolgendolo attraverso il fondale a specchio e, in pratica, obbligandolo a riflettersi nel suo punto di vista, nonché a riflettere su di esso.
Quanto al ribaltamento dei valori tradizionalmente condivisi attuato dal protagonista, Carsen lo ribadisce nel finale in cui, al termine della “licenza”, i cinque personaggi che hanno appena moraleggiato sul “fin di chi fa mal” sprofondano nell’inferno da cui, invece, Don Giovanni riemerge inaspettatamente alle loro spalle, fresco come una rosa.

La prima scena di questo allestimento evidenzia un elemento che rimane solitamente sottotraccia, e cioè la doppia natura di Donna Anna, che mente a sé stessa, al padre, e poi anche al fidanzato Don Ottavio, ma che poi, costretta dalle circostanze e dalle convenzioni, decide di mettersi contro Don Giovanni in quanto assassino di suo padre. E forse la sua decisione dipende davvero solo dal fatto che le convenienze sociali glielo impongono: in fondo, Don Giovanni potrebbe averle fatto un favore, liberandola da una figura paterna così “ingombrante”.

A tale proposito, viene da pensare alla situazione di un’altra donna appartenente al mondo letterario spagnolo, la Leonora della Fuerza del sino di Ángel de Saavedra, a cui Giuseppe Verdi fece riferimento per La forza del destino: pur in una situazione molto diversa riguardo ai sentimenti che intercorrono fra i personaggi, l’uccisione del padre autoritario da parte dell’amante scatena nella figlia un senso di colpa che, letto in chiave sociopsicologica, sembrerebbe indotto dalle circostanze esterne più che dal dolore per la perdita del genitore. In realtà, il vero lutto di Leonora sta nell’aver perso l’innamorato, con il quale – in quanto uccisore del padre - non potrà più nemmeno fuggire. Due melodrammi diversissimi, ma che si aprono mettendo in scena circostanze quasi analoghe.

 

 

Leggi tutto...
 
Teatro alla Scala. Adriana Lecouvreur PDF Stampa E-mail
Martedì 26 Luglio 2022 07:00

(Vittoria Lìcari) A dodici anni dal debutto al Covent Garden è giunto a Milano l’allestimento di Adriana Lecouvreur creato per le scene londinesi nel 2010 da David McVicar, già in passato ospite della Scala, nel 2014 con una magnifica edizione di Les Troyens di Hector Berlioz e nel 2019 con I masnadieri di Verdi, e, ancora pochi mesi fa, con quell’affascinante spettacolo che è stata La Calisto di Cavalli. McVicar è senza dubbio uno dei maggiori registi d’opera attualmente in attività, ed è proprio il mondo teatrale che viene celebrato in questa splendida regia – ripresa da Justin Way, assistente di McVicar – con le scene di Charles Edwards, che ci mostrano da diverse prospettive il palcoscenico della Comédie Française in cui spicca il busto di Molière, i bellissimi costumi d’epoca di Brigitte Reiffenstuel, le luci di Adam Silverman e le coreografie di Andrew George per il balletto del terzo atto.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 114
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

La gente come noi non molla mai … ed il Monza vola in A

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

calciom(Laura Giulia D'Orso). “Io sono del Monza: non riusciremo mai ad andare in Serie A”. Questa mitica frase pronunciata da Renato Pozzetto nel film del 1979 “Agenzia Riccardo Finzi… praticamente detective” fotografava da oltre trent’anni lo stato d’animo di ironica rassegnazione nonostante il quale migliaia di brianzoli trovavano la forza di tifare per il Monza.

Prima al Sada, poi al Brianteo, vari ricordi di bravi giocatori cresciuti nel Monza e poi comprati che hanno fatto la nostra storia. Ieri, 29 maggio 2022 la storia è stata scritta da un manipolo di ragazzi tenaci, grintosi, capaci di non piangersi addosso, da un allenatore pacato quanto attento e severo e da uno staff tecnico e dirigenziale da fare invidia.

E finalmente l’incantesimo si è spezzato e sulle note di Destinazione Paradiso il Monza Calcio entra nell’Olimpo delle grandi! Orgoglio longobardo, compostezza brianzola, tifo mai oltre le righe. Mentre il Maxischermo trasmetteva un’interminabile partita con risultati da montagne russe i ragazzi hanno cantato e cantato per tutta la notte.

Gli account di twitter dell’AC Milan e del FC Inter ci hanno cinguettato un augurante e sportivo “benvenuti per la storica promozione nel club più esclusivo del calcio italiano, la serie A”.

Piacevole sensazione.

E mentre in piazza si festeggia incontrando Aldo Baglio o Filippo Tortu ti sembra tutto un po’ strano e in sottofondo, nella tua testa senti Gino Paoli cantare …. eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo ti vengono in mente il dott. Sada, la Simmenthal, la famiglia Cappelletti, l’ostinazione di Alfredo Magni, i Giambelli con dei giovani Costacurta, Pierluigi Casiraghi, Monelli e Begnini, i Colombo, il gruppo Finivest … il passato si fonde con il presente, le figurine della Panini che tenevo nella tasca del grembiule bianco alle elementari per gli scambi durante la ricreazione si mischiamo con la tecnologia di Fifa 2022/23.

Sapete che c’è? Mi piace pensare a Zio Bes, il Maestro come lo chiamavamo con deferenza, noi giornalisti, chissà mai che qualche “aggiustatina” alla palla dal grande campo del cielo lo abbia pure fatto! e allora è vero ... destinazione ParAdiso

Un viaggio ha senso solo senza ritorno

Se non in volo

Senza fermate nè confini

Solo orizzonti neanche troppo lontani

Io mi prenderò il mio posto

E tu seduta lì al mio fianco

Mi dirai

Destinazione paradiso

C'è che c'è, c'è che prendo un treno

Che va a paradiso città

Io mi prenderò il mio posto

E tu seduta lì al mio fianco

Mi dirai

Destinazione paradiso

Paradiso città...